Il Miracolo di Mamma Merkel

This is an Italian translation of Tobias Langdon’s “Mother Merkel’s Miracle: A Wonder-Working Woman Turns Cologne into Cairo,” from the website Resistenza Bianca.

Quando è stato evidente per la prima volta che le politiche di apertura delle frontiere di Angela Merkel avrebbero causato problemi per la Germania? Circa 2000 anni fa:

  • Caelum non animum mutant qui trans mare currunt.
  • “Cambiano il loro cielo, non le loro anime, coloro che attraversano il mare.”

Questo è il poeta latino Orazio, morto nel 8 a.C.. La Germania un tempo era famosa per gli studi classici. Oggi è famosa per il marxismo culturale. Il messaggio centrale dalle nostre élite ostili è che i Bianchi devono aprire le loro nazioni al mondo e celebrare la propria espropriazione. Angela Merkel ha obbedito a quel messaggio con entusiasmo eccezionale quando ha permesso che più di un milione di “rifugiati” entrassero in Germania nel 2015. Ecco perché la festa di Capodanno a Colonia è stata una occasione così vibrante. Folle di nuovi tedeschi hanno espresso la loro gratitudine a Mutti Merkel mettendo in scena una rievocazione di quello che è successo in piazza Tahrir al Cairo durante la primavera araba. In altre parole, hanno commesso centinaia di aggressioni sessuali su giovani donne.

Quando la sgradevole realtà si intromette nella fantasia liberale, la prima risposta dei liberali è sempre fingere che la realtà non esista. Ad esempio, per decenni hanno ignorato gli stupri di gruppo da parte di musulmani che operavano a Rotherham, Oxford e molte altre località. Purtroppo, non potevano censurare quello che è successo a Colonia e altrove, quindi sono passati al piano B. La B sta per “sconcerto”. Il New York Times ha citato Ulrich Karpen, un professore di diritto costituzionale e amministrativo presso l’Università di Amburgo: “è ancora tutto incomprensibile”. Chi può capire perché gente del Terzo Mondo crea problemi da Terzo Mondo? Alla BBC, si sono impegnati in una “ricerca di risposte”: “Mentre segnalazioni di aggressioni continuano a venire da Colonia e alcune altre città tedesche, le vittime e i testimoni hanno chiesto come ciò potesse accadere.”

Certo, come poteva succedere? La Germania accoglie un gran numero di giovani di culture notoriamente misogine e i giovani maschi poi trattano male le donne tedesche. Chi avrebbe potuto prevederlo? Non il giornalista economico della BBC Robert Peston, che aveva previsto un futuro molto diverso per la Germania nel settembre dello scorso anno:

È senza dubbio particolarmente utile per la Germania avere un afflusso di giovani famiglie riconoscenti dalla Siria o altrove, che potrebbero essere pronte a lavorare duramente e sforzarsi di ricostruire le loro vite e dimostrare ai loro ospitanti di non essere un peso – allo stesso modo in cui onde di immigrati di successo hanno fatto in tutto il mondo (tra cui Ebrei, come la mia famiglia nell’East End di Londra). … Ecco il punto. Ovunque vi troviate nel dibattito sulla questione se l’immigrazione sia una cosa buona o cattiva – e la maggior parte degli economisti sostengono che l’immigrazione promuove la crescita – in questo momento l’immigrazione appare molto più utile economicamente alla Germania che al Regno Unito. (“Perché la Germania ha più bisogno di immigrati che il Regno Unito”, BBC News, 7 settembre 2015)

Anche al tempo in cui Peston era disonesto: le “giovani famiglie riconoscenti” erano di gran lunga in minoranza tra i rifugiati rispetto a giovani arroganti e aggressivi. “Secondo i conteggi ufficiali, un numero sproporzionato di questi migranti sono giovani maschi, non sposati, non accompagnati. In realtà, le proporzioni di genere tra i migranti sono così unilaterali – si parla di peggiori di quelle in Cina, in alcuni casi – che avrebbero potuto cambiare radicalmente l’equilibrio di genere nei paesi europei in alcune fasce d’età.”

E se la gioventù è la chiave per la prosperità, perché il Terzo Mondo non è in piena espansione? La gioventù non è la chiave per la prosperità, naturalmente. Ciò che conta, inter alia, è l’intelligenza, l’autocontrollo e la capacità di cooperare con gli estranei. Tutte queste cose rispondono a una forte influenza genetica e scarseggiano tutte nel Terzo Mondo. Per essere generosi, Robert Peston era illuso quando dichiarava che la Germania avrebbe beneficiato delle dita agili e dei cervelli veloci degli “immigrati”. Come ha sottolineato Mark Steyn, la loro destrezza è stata impiegata per ben altri fini:

Il sindaco di Colonia e “attivista per i rifugiati” Henriette Reker ha detto alle oltre cento donne della sua città aggredite sessualmente che il modo più semplice per risolvere il problema è quello di mantenere gli uomini a “distanza di un braccio”. Questo può funzionare per il sindaco Reker che viaggia in giro nel suo feudo con un’auto e la sicurezza, ma, ahimè, per le strade, gli uomini hanno spesso braccia più lunghe rispetto alle donne, e quando sono più di uno, si può facilmente finire disarmate: “Ich hatte Finger an allen Körperöffnungen”, come ha detto una giovane donna. “Avevo dita in ogni orifizio”. (Checkpoint Charlie Hebdo, SteynOnline, 8 gennaio 2016)

La Madre che conta

Negare sempre la realtà ha dei costi. Al momento, è il popolo a pagare i costi. La menzogna liberale dell’uguaglianza umana ha portato a un Occidente inondato di non-Bianchi di scarsa intelligenza media ed alta criminalità media. Un’altra storia attualmente nella stampa britannica è quella del brutale triplice omicidio di una madre e dei suoi due figli piccoli. Il sospetto si chiama Arthur Simpson-Kent. Come Ryan Coleman-Farrow, suona come un Bianco maschio pallido. In realtà, è un arricchitore nero dal Ghana attualmente in fase di estradizione.

Le femministe ovviamente non ammetteranno che i Neri e altri non-Bianchi sono molto più propensi a essere violenti verso le donne rispetto agli uomini bianchi. Questa è la realtà e le femministe non sono interessate alla realtà. Ahimè, la vitalità di Colonia è l’ennesima dimostrazione che la realtà è molto interessata a loro. Fingere che tutti i gruppi umani siano uguali sotto la pelle è folle come pretendere che tutte le razze di cani siano uguali sotto la pelliccia.

Ma il mio timore è che la Willkommenskultur possa finire come nient’altro che uno slogan. Le persone che hanno sempre voluto il suo fallimento, che credono in un Stato per soli tedeschi, stanno strumentalizzando le paure e le insicurezze che tutti noi abbiamo sull’identità dei nuovi arrivati. E più di questo, stanno strumentalizzando le decine di donne che sono state vittime delle aggressioni di Capodanno.

In realtà, i collie non sono pitbull e i Siriani non sono Tedeschi. Come Orazio ammonì 2000 anni fa: Expellas Naturam furca, tamen usque recurret. “Anche se caccerai la natura con la forca, essa tuttavia ritornerà sempre.” È Madre Natura che ora governa ciò che accade in Germania, non mamma Merkel.

Share and Enjoy:
  • Print
  • Digg
  • StumbleUpon
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Yahoo! Buzz
  • Twitter
  • Google Bookmarks

Comments are closed.